6 febbraio 2008

Ron Paul cavallo scosso

Come ho scritto stamane chez moi, è mia opinione che Ron Paul deciderà a breve di correre come indipendente. Questi sono le ragioni che mi portano ad opinare in codesta direzione :P
1) Ron ha un sacco di soldi. Uno che restituisce parte dell'idennità parlamentare dovrà pure usare i soldi dei sotenitori per le elezioni.
2) Ron Paul non sopporta John McCain. A differenza di Giuliani, lo rispetta, ma non basta. Teniamo conto che le principali scaramuccie ai dibattiti sono avvenute con il veterano e proprio per quanto riguarda la guerra in Iraq, McCain -ricordo- ha detto pochi giorni fa che in Iraq gli USA dovranno rimanerci 100 anni. Aggiungo che, al contrario di Giuliani (e sulla carta di Bush) costui non è nemmeno un fiscal conservative.
3) In seno ai collaboratori di Paul si sta diffondendo la sensazione che anche la base del Gop è ormai avviato sulla strada del socialismo rampante. Il dottore potrebbe confidare su molti voti di non iscritti alle liste repubblicane.
6) I paulisti sono ai ferri corti col partito anche a causa di più episodi sospetti avvenuti nel corso delle elezioni primarie, di cui i lettori del blog sono a conoscenza.
5) Come ha già scritto Invisigoth, il Partito Libertario è nella crisi più nera. In particolare è criticata la gestione troppo personale e masochistica dell'attuale intellighenzia. Non importa se la nomina andrà a Root, Imperato o Phillies, il party of principles non si schioderà dallo 0,001% per l'ennesima volta. La base vuole liberarsi dei professorini e pigliarsi uno con carisma, e Paul è l'uomo giusto. Se poi si considera che le elezioni dei chairmen locali hanno evidenziato questo aspetto credo che ci sarà almeno un grosso tentativo di imbarcarlo (in fondo gliel'hanno già chiesto)
6) Di contro, Paul ha finora sempre rifiutato di volere correre da solo. Questo forse è spiegabile con il fatto che in pubblici dibattiti di un partito non si poteva dire altro senza cadere nella scorrettezza. Ma se il dr. No ho "tradito" l'elefante già una volta (per la guerra alle droga) davvero non si vede perché non debba farlo di nuovo. Ora.

Io non ci azzecco mai, è noto. Ma non potevo negarmi al Gobbo e magari può nascere un dibattito. Che dite? Fa bene, fa male, fa...?

5 commenti:

Sgembo ha detto...

1) Infatti

2)Esatto

3)non ho visto le analisi del voto di ieri, ma di solito negli indipendenti non ha sfondato, realizzando comunque buone prove.

4)Mi viene la nausea solo a ripensarci.

5) Abbiamo la stessa fonte quindi...
:)

6)Vero ma: ho notato che Rand Paul è pronto al decollo politico, se Ron tradisse il Gop questo avrebbe ripercussioni anche su Randall.

Comunque temo che contro le corazzate mediatiche una candidatura indipendente avrebbe pochissima visibilità, molto minore di quella ottenuta fino ad ora.

Anonimo ha detto...

mah..non saprei..
lo vedrei meglio come indipendente che come Repubblicano...e penso che anche lui vorrebbe correre da solo...potrebbe raccogliere anche qualche voto di democratici e repubblicani non perfettamente allineati al partito...

...ma credo che lui abbia convenienza politica a restare nell'elefante,sia per il figlio,sia per se stesso, altrimenti SCOMPARIREBBE nell'anonimato e nella censura più totale, cosa che gli sta già accadendo dentro il GOP,figuriamoci fuori...( non penso venga invitato ad un dibattito fra Illlllary e MC)
Per correre da solo e prendere più dell'1%,dovrebbe essere
- o sfondatamente ricco,ai livelli di Bloomberg, e possedere immense attività economiche, ma non penso le abbia....
- o essere un personaggio famoso, tipo un attore Hollywooodiano,molto popolare fra le grandi masse,in modo da non poter essere ignorato dai media, ed avere anche grossi finanziatori ( a cui sottomettersi una volta eletto...)...
E' solo una mia opinione,ma se corresse da solo,lo farebbe solo x principio,senza alcuna pretesa...

Giulio Petrucci aka "il Petrux" ha detto...

Ciao a tutti,

IMHO, in questo senso, avrebbe significato correre da indipendente se Hillary Clinton vincesse le primarie Democratiche... sai quanti sostenitori di Obama farebbero "il salto della quaglia" pur di non votare la ex-first lady? Credo che anche di questo bisognerebbe tenere conto.

Sgembo ha detto...

Anonimo:
si esatto, penso sia proprio così.

Petrux:
hai ragione è un fattore da tenere in considerazione.

Anonimo ha detto...

ho dimenticato la firma...scusate...
Lollo